Difference between revisions of "Std AddonMgr/it"

From FreeCAD Documentation
Jump to: navigation, search
(Created page with "{{Userdocnavi/it}}")
 
(3 intermediate revisions by the same user not shown)
Line 58: Line 58:
 
Se si sviluppa un workbench in C++, esso non può essere eseguito direttamente dagli utenti e deve prima essere compilato. Quindi si hanno due opzioni, o fornire le versioni precompilate del proprio workbench per i diversi sistemi operativi, oppure si deve chiedere di unire il proprio codice al codice sorgente di FreeCAD. Per questo, si deve usare la licenza LGPL (o completamente compatibile come MIT o BSD), e si deve presentare i nuovi strumenti alla comunità nel [https://forum.freecadweb.org forum di FreeCAD] per la revisione. Quando il codice è stato testato e approvato, è necessario creare una biforcazione nel repository di FreeCAD, se non ancora fatto, e creare un nuovo ramo, inserirvi il codice e aprire una richiesta di pull in modo che il ramo venga unito al repository principale.
 
Se si sviluppa un workbench in C++, esso non può essere eseguito direttamente dagli utenti e deve prima essere compilato. Quindi si hanno due opzioni, o fornire le versioni precompilate del proprio workbench per i diversi sistemi operativi, oppure si deve chiedere di unire il proprio codice al codice sorgente di FreeCAD. Per questo, si deve usare la licenza LGPL (o completamente compatibile come MIT o BSD), e si deve presentare i nuovi strumenti alla comunità nel [https://forum.freecadweb.org forum di FreeCAD] per la revisione. Quando il codice è stato testato e approvato, è necessario creare una biforcazione nel repository di FreeCAD, se non ancora fatto, e creare un nuovo ramo, inserirvi il codice e aprire una richiesta di pull in modo che il ramo venga unito al repository principale.
  
== Testing the Addon Manager ==
+
== Test di Addon Manager ==
{{VeryImportantMessage|This section is for developers}}
+
{{VeryImportantMessage|Questa sezione è per gli sviluppatori}}
The Addon Manager is coded in Python so it's possible to change the source code without compiling it. More specifically, testing requires modifying the code in <tt>FreeCAD/src/Mod/AddonManager</tt> and simply re-running FreeCAD.  
+
Addon Manager è codificato in Python, quindi è possibile modificare il codice sorgente senza compilarlo. Più specificamente, il test richiede la modifica del codice in <tt>FreeCAD/src/Mod/AddonManager</tt> e semplicemente rieseguire FreeCAD.  
  
To test downloading capability of the Addon Manager you can simulate a need to download say, a previous version of a workbench via the CLI. In the following example we'll use the Assembly2+ workbench (or [[A2plus_Workbench|A2plus]] for short):
+
Per testare la capacità di download di Addon Manager è possibile simulare la necessità di scaricare per esempio una versione precedente di un workbench tramite l'interfaccia della riga di comando. Nell'esempio seguente useremo l'ambiente Assembly2+, o [[A2plus_Workbench/it|A2plus]]:
  
 
{{Code|code=
 
{{Code|code=
Line 69: Line 69:
 
}}
 
}}
  
CLI output should show '''HEAD is now at b2c53a4 Merge pull request #281 from kbwbe/devel'''
+
L'output dell'interfaccia della riga di comando dovrebbe indicare '''HEAD is now at b2c53a4 Merge pull request #281 from kbwbe/devel'''
  
<div class="mw-translate-fuzzy">
+
Ciò che essenzialmente abbiamo fatto è stato utilizzare un tag di rilascio precedente per ripristinare la versione.
{{Userdocnavi/it}}
+
Ora, in Addon Manager aggiorna l'elenco dei workbench e dovrebbe mostrare che A2plus sta utilizzando una versione precedente.
</div>
 
  
 
{{Userdocnavi/it}}
 
{{Userdocnavi/it}}

Latest revision as of 21:58, 17 September 2019

Other languages:
Deutsch • ‎English • ‎español • ‎français • ‎hrvatski • ‎italiano • ‎português • ‎português do Brasil • ‎română • ‎русский • ‎Türkçe

AddonManager.svg Addon manager

Posizione nel menu
Strumenti → Addon manager
Ambiente
Tutti
Avvio veloce
Nessuno
Introdotto nella versione
0.17
Vedere anche
Macro, Ambienti complementari


Addon Manager è uno strumento per installare e gestire gli ambienti aggiuntivi e le macro forniti dalla comunità di FreeCAD. Se nel computer è installato il pacchetto git-python, Addon Manager lo usa per aggiornare gli ambienti installati, rendendo i download più veloci.

Gli elenchi degli ambienti e delle macro installabili sono presi da due repository, FreeCAD-addons e FreeCAD-macros, rispettivamente, e dagli Esempi di macro.

Addon Manager example.png

Interfaccia di Addon Manager


Utilizzo

  • Aprire il menu Strumenti → Addon manager.
  • Per installare un workbench: scorrere l'elenco e selezionare il componente aggiuntivo. La descrizione del componente aggiuntivo viene visualizzata sotto l'elenco, assieme al collegamento alla pagina del componente aggiuntivo. Quindi premere il pulsante Install/update per installare il nuovo ambiente.

Per le macro, fare clic sulla scheda Macro e fare gli stessi passaggi.

  • Per rimuovere un workbench o una macro: scorrere l'elenco, selezionare il componente aggiuntivo quindi premere il pulsante Remove.
  • Per aggiornare un workbench o una macro: scorrere l'elenco, selezionare il componente aggiuntivo quindi premere il pulsante Install/update.
  • Per verificare gli aggiornamenti: premere il pulsante Std Refresh.png. (Nota: l'icona può apparire diversa a seconda del sistema operativo.) Gli aggiornamenti disponibili verranno riportati sotto l'elenco. Premendo di nuovo il pulsante di aggiornamento si aggiorneranno tutti gli aggiornamenti contemporaneamente.
  • Per eseguire una macro: prima installare la macro desiderata, quindi selezionarla nuovamente nell'elenco, quindi premere il tasto Esegui. La macro viene editata automaticamente nell'editor macro di FreeCAD, per visualizzare il codice.
  • Premere Chiudi per uscire dal manager.

Per far comparire nell'elenco e rendere disponili i nuovi ambienti bisogna riavviare FreeCAD . Gli ambienti vengono aggiunti alla fine, se si desidera averli in ordine alfabetico, è possibile riorganizzarli nella finestra di dialogo Personalizza.

Installazione manuale

Se non si utilizza Addon Manager, è possibile installare manualmente i nuovi strumenti inserendo il loro codice nella directory FreeCAD/ dell'utente. Vedere i seguenti collegamenti per i dettagli:

Limitazioni

  • I componenti aggiuntivi non fanno parte del pacchetto FreeCAD ufficiale e non sono supportati dal team ddi sviluppatori di FreeCAD. È necessario leggere le informazioni fornite su ciascuna delle pagine della home del componente aggiuntivo prima di installare qualsiasi di essi, per essere sicuri di sapere cosa si sta installando.
  • Le segnalazioni di bug e le richieste di funzionalità dovrebbero essere fatte direttamente al creatore del componente aggiuntivo visitando il sito Web indicato. Molti autori aggiuntivi sono utenti regolari del forum di FreeCAD e possono essere contattati lì.
  • Gli indirizzi Web dei repository per i componenti aggiuntivi e per le macro sono codificati in AddonManager. Poiché questa applicazione è scritta in Python, gli utenti esperti possono cambiare queste posizioni modificando i campi appropriati in
$ROOT/Mod/AddonManager/AddonManager.py

dove $ROOT è la directory di installazione di FreeCAD nel proprio sistema, per esempio,

  • Linux: /usr/lib/freecad/Mod/AddonManager/AddonManager.py
  • Windows: C:\Program Files\FreeCAD version\Mod\AddonManager.py

Nuovi ambienti di lavoro e macro

Se avete sviluppato un workbench o una macro e volete vederlo incluso in Addon Manager, leggete come farlo nelle pagine del repository (FreeCAD-addons e FreeCAD-macros). Se aggiungete la vostra macro a Macros recipes, non dovete fare nient'altro, essa verrà automaticamente selezionata da Addon Manager.

Per i workbench Python, non è necessaria alcuna approvazione specifica per aggiungerlo a Addon manager e, essendo al di fuori del codice sorgente di FreeCAD, è possibile scegliere la licenza desiderata. Se si richiede che il proprio workbench sia aggiunto alla lista (senza la richiesta dei suoi autori non viene aggiunto nessun nuovo workbench), sia chiedendolo sul forum o aprendo una istanza nel repository FreeCAD-addons, il codice continua a rimanere sul repository git dell'autore, e viene semplicemente aggiunto come sottomodulo al repository FreeCAD-addons. Ovviamente, prima di aggiungere un nuovo workbench, viene data un'occhiata al codice per verificare che non contenga nulla di potenzialmente problematico.

Se si sviluppa un workbench in C++, esso non può essere eseguito direttamente dagli utenti e deve prima essere compilato. Quindi si hanno due opzioni, o fornire le versioni precompilate del proprio workbench per i diversi sistemi operativi, oppure si deve chiedere di unire il proprio codice al codice sorgente di FreeCAD. Per questo, si deve usare la licenza LGPL (o completamente compatibile come MIT o BSD), e si deve presentare i nuovi strumenti alla comunità nel forum di FreeCAD per la revisione. Quando il codice è stato testato e approvato, è necessario creare una biforcazione nel repository di FreeCAD, se non ancora fatto, e creare un nuovo ramo, inserirvi il codice e aprire una richiesta di pull in modo che il ramo venga unito al repository principale.

Test di Addon Manager

Questa sezione è per gli sviluppatori

Addon Manager è codificato in Python, quindi è possibile modificare il codice sorgente senza compilarlo. Più specificamente, il test richiede la modifica del codice in FreeCAD/src/Mod/AddonManager e semplicemente rieseguire FreeCAD.

Per testare la capacità di download di Addon Manager è possibile simulare la necessità di scaricare per esempio una versione precedente di un workbench tramite l'interfaccia della riga di comando. Nell'esempio seguente useremo l'ambiente Assembly2+, o A2plus:

cd ~/FreeCAD/Mod/A2plus/
git reset --hard "v0.4.21"

L'output dell'interfaccia della riga di comando dovrebbe indicare HEAD is now at b2c53a4 Merge pull request #281 from kbwbe/devel

Ciò che essenzialmente abbiamo fatto è stato utilizzare un tag di rilascio precedente per ripristinare la versione. Ora, in Addon Manager aggiorna l'elenco dei workbench e dovrebbe mostrare che A2plus sta utilizzando una versione precedente.